Deutzia gracilis Siebold & Zucc.

famiglia: Saxifragaceae
nome comune: deuzia

ETIMOLOGIA: il nome generico è stato dato dal naturalista svedese Thunberg, allievo di Linneo, in onore del mecenate olandese Johann van der Deutz (1743-1788), avvocato e consigliere di Amsterdam, finanziatore delle spedizioni in Asia orientale nel corso delle quali Thunberg stesso scoprì questo genere. L'attributo specifico latino gracilis (delicato, gracile) sta ad indicare l'apparente fragilità dei rami di questa pianta



la deuzia è un arbusto spogliante di medie dimensioni, a crescita lenta, dalla vegetazione piuttosto folta, originario del Giappone. I rami sono arcuati ed hanno la corteccia che si sfalda in modo molto ornamentale. Pianta molto rustica e di facile coltivazione, predilige posizioni soleggiate o parzialmente ombreggiate e si adatta bene a quasi tutti i tipi di terreno, purchè ben drenati. Cresce fino ad 1,5 metri di altezza e ad un metro di larghezza. E’ necessario annaffiare con abbondanza nei periodi di elevata siccità, mantenendo il terreno leggermente umido, senza però provocare ristagni idrici


le foglie sono opposte, di colore verde brillante, ovate o lanceolate, con l'apice appuntito ed il margine finemente dentellato



 i fiori, profumati, a forma di stella, con 5 petali di colore bianco puro e stami giallastri, sono riuniti in pannocchie di 6-8 centimetri che compaiono in maggio-giugno sulla vegetazione dell'anno precedente

Nessun commento:

Posta un commento